Ornella Vanoni

Auditorium Parco della Musica - Roma
1 febbraio 2018

Screen Shot 2017-11-13 at 07.46.23
Ornella Vanoni
"La mia storia"


Ornella Vanoni voce Roberto Cipelli pianoforte Bebo Ferra chitarra Loris Leo Lari contrabbasso Piero Salvatori violoncello

Una carriere lunga 60 anni e una voce tra le più belle e inconfondibili del panorama italiano. Ornella Vanoni torna a Roma con un nuovo spettacolo intitolato "La mia storia", un racconto attraverso la musica della sua carriera artistica in cui presenterà i brani storici della mala, di Brecht ed i successi che l'hanno fatta amare dal grande pubblico italiano. Ornella Vanoni nasce a Milano il 22 settembre 1934. Si iscrive alla scuola del Piccolo Teatro e incontra Giorgio Strehler che diventa, oltre che il maestro, il suo compagno. Debutta nel 1957 ne "I Giacobini” di Federico Zardi. Strehler decide di inventare per lei un genere totalmente nuovo che prenderà il titolo di “canzoni della mala”, in buona parte scritte da lui con la collaborazione di Fiorenzo Carpi, Gino Negri e Dario Fo e altri. Con questo repertorio Ornella arriva al Festival dei Due Mondi di Spoleto nel 1959. L'incontro nel 1960 con Gino Paoli la avvicina alla canzone d’autore e porta a una collaborazione autore-interprete di brani memorabili. L’anno successivo verrà chiamata da Garinei Giovannini per portare "Rugantino" anche a New York. Da questo momento ci sono solo musica, dischi, tv e festival. Vince il primo premio insieme a Modugno al Festival di Napoli con “Tu sì na cosa grande” e vince anche il secondo cantando con Nunzio Gallo la canzone “Ammore mio”. Con Sergio Bardotti Ornella si avvicina al fantastico mondo del Brasile di Vinicius de Moraes e Toquinho. La collaborazione con Bardotti si conclude con l’album “Ornella e....”, inciso con i maggiori jazzisti del mondo: George Benson, Herbie Hanckock, Steve Gadd, Gil Evans, Michael Brecker, Ron Carter. Negli anni ’90 ha inizio la collaborazione con il produttore artistico Mario Lavezzi. Torna  a teatro con Giorgio Albertazzi e si susseguono successi discografici epocali e relative tournée. È stata insignita delle onorificenze di Commendatore e di Grande Ufficiale. Il 2008 è l’anno di importanti riconoscimenti: “Premio Milano donna – le donne che hanno fatto grande Milano”, “Premio Marisa Bellisario Speciale alla Carriera”, “Premio Lunezia”. A maggio 2010 riceve al Campidoglio di Roma il prestigioso “Premio Simpatia 2010”. A settembre 2013 pubblica il nuovo album di inediti “Meticci” (Io mi fermo qui). Nel 2015 intraprende un tour teatrale dal titolo “Un filo di trucco un filo di tacco”.